Dal mondo / America

Commenta Stampa

Si attende l’approvazione alla Camera dei Rappresentanti

2013, l’America brinda all’accordo per il “fiscal cliff”


2013, l’America brinda all’accordo per il “fiscal cliff”
01/01/2013, 11:22

WASHINGTON – Finalmente è arrivato l’accordo per scongiurare la minaccia del “fiscal cliff”. E mentre nel mondo si brinda al nuovo anno, per l’America sono state ore di duro lavoro per mediare tra la Casa Bianca ed repubblicani. Il testo in questione, voluto dal vicepresidente Joe Biden ed il capo della minoranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, è stato accettato dal Senato ed attende di essere discusso alla Camera dei Rappresentanti nelle prossime ore. Obama è fiducioso, nonostante tale accordo ufficializzi maggiori tasse per i più abbienti ed il rinvio di due mesi per i tagli alla spesa pubblica : “Se i repubblicani pensano che il lavoro per ridurre il deficit sia solo quello di tagliare la spesa dovranno cambiare idea”, ha concluso il Presidente. L’accordo, che ha avuto voti positivi schiaccianti, annuncia la proroga di un anno dei benefici legati all'indennità di disoccupazione il mantenimento delle aliquote dell'attuale minimum tax; l'estensione per cinque anni dei crediti di imposta anche per l'infanzia e i mutui degli studenti per il college; l'innalzamento dal 35% al 40% della tassa di successione. 
Ci sarà ancora da lavorare alla Casa Bianca. 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©