Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

26.000 BAMBINI AL GIORNO MUOIONO DI FAME


26.000 BAMBINI AL GIORNO MUOIONO DI FAME
22/01/2008, 14:01

Ogni giorno 26.000 bambini muoiono di fame, purtroppo la frase è da intendere in senso letterale perché i bambini muoiono veramente. E’ un problema gravissimo che aspetta ancora una soluzione. I dati divulgati dall’Unicef sono più che allarmanti e la speranza di ogni bimbo è nel buon cuore di ogni persona. Perché ci sono persone con 10 case, che guadagnano milioni e milioni di dollari/euro e altre persone devono crepare per la fame?
Gli stipendi, la vita, tutto spesso gira intorno a quanto frutti, a quanti soldi fai girare ma potrebbero esistere dei limiti nelle coscienze do ogni persona. Uno studio ha dimostrato che le 25 persone più ricche del mondo se cedessero una parte di ciò che guadagnano, rimanendo in ogni caso ultramiliardari, risolverebbero il problema della fame in Africa.
Intanto i bambini, l’80% proprio della zona dell’Africa sud-sahariana e dell’Asia meridionale, muoiono. 
Più di un terzo di questi bambini, quasi il 40%, rileva il Rapporto Unicef, muore durante il primo mese di vita, di solito a casa e senza avere accesso a servizi sanitari di base e a beni di prima necessità che potrebbero salvare loro la vita. Di queste morti neonatali, circa il 26%, che equivale al 10% di tutti i decessi sotto i 5 anni è provocato da gravi infezioni. Prime tra tutte polmonite e sepsi. Ogni anno circa due milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono di polmonite
Nel 2006 il tasso di mortalità infantile era di 72 morti ogni 1000 nati vivi, dato che mostra un certo miglioramento rispetto al 1990, un calo del 23%, che però non basta, i bambini che muoiono di fame sono troppi, neanche uno di loro dovrebbe subire una vita simile. La cosa che impressiona è la forza di questi bimbi.
 

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©