Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Da questa mattina all’alba le commemorazioni ai "caduti"

50 anni fa veniva eretto il Muro di Berlino


50 anni fa veniva eretto il Muro di Berlino
13/08/2011, 11:08

BERLINO- Quando 50 anni fa fu eretto durante la notte non era ancora un “Muro” ma l’effetto era comunque lo stesso: il 13 agosto del 1961 la città si svegliò in un incubo,  la Germania est fu divisa dalla Germania ovest, i cittadini che vivevano a ridosso del filo spinato eretto dovettero trovarsi nuove occupazioni, nuove abitazioni e soprattutto non potevano entrare in contatto con i loro parenti rimasti al si là del muro. Questa è purtroppo una delle pagine storiche difficili da leggere, di quelle che ti lasciano l’amaro in bocca per quello che ha rappresentato e per le storie che hanno gravitato intorno a questo evento che conta 137 morti.  Questa mattina all’alba sono cominciate le commemorazioni con la lettura di stralci di vita dei fuggitivi caduti sotto i colpi delle guardie di frontiera, quelli che hanno provato a cambiare le cose, quelli che non si sono arresi e nonostante tutt’intorno dicesse altro non hanno smesso di sognare che un domani  tutto quello che stava vivendo potesse diventare solo un brutto ricordo. Sono loro gli eroi silenziosi e dimenticati, e forse alcuni nemmeno citati negli annali, che hanno lasciato un segno che si spera possa essere da monito ad altre iniziative del genere. Nel gennaio 1989, 10 mesi prima che il muro fosse abbattuto, il leader della Ddr Erich Honecker, che nel 1961 aveva coordinato  l’operazione «Rose» da una questura vicino Alexanderplatz, dichiarò : «Il Muro esisterà anche tra 50 o 100 anni» per fortuna si sbagliava anche se dal punto di vista tecnico e strutturale il Muro avrebbe retto altri 100 anni. Questa mattina alle 10 il presidente Christian Wulff ha pronunciato un discorso davanti al Memoriale della Bernauer Strasse, la strada tagliata in due dal Muro, presenti la cancelliera Angela Merkel e il sindaco di Berlino, Klaus Wowereit. Va detto che tuttora Berlino vive e respira ancora l’aria di questa divisione, capita ancora infatti quando due berlinesi si conoscano che una delle prime domande che si facciano a vicenda sia: “da dove vieni?”, sintomo che gli strascichi di un’operazione così dolorosa siano ancora lontani dal cancellarsi.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©