Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Singolare protesta all'esterno del Tribunale norvegese

A Breivik non piace una canzone? Gliela cantano in 40 mila


A Breivik non piace una canzone? Gliela cantano in 40 mila
26/04/2012, 15:04

OSLO (NORVEGIA) - Singolare forma di protesta pacifica adottata dai norvegesi contro Andres Behring Breivik. Nei giorni scorsi aveva detto alla Corte che lo sta proessando per l'omicidio di 77 persone - parte ad Oslo con una bomba, parte nell'isola di Utoya, a colpi di pistola e di mitra - di odiare una canzone, "Children of the rainbow" (Bambini dell'arcobaleno), del cantante statunitense Pete Seeger. Questo perchè viene considerata dal pluriomicida "un ottimo esempio di infiltrazione marxista nella scena culturale" e "un tipico esempio di lavaggio del cervello imposto agli scolari norvegesi". Cosa conterrà mai di così grave questa canzone? Frasi come questa del ritornello: "Vivremo insieme, ciascuno fratello e ciascuna sorella, piccoli bambini dell'arcobaleno e di una terra verde". SI tratta insomma di una sorta di inno all'integrazione e all'uguaglianza.
E i norvegesi questa canzone gliel'hanno cantata: si sono radunati in 40 mila in una piazza vicino al Tribunale e tutti insieme hanno intonato questa canzone. Probabilmente con la speranza che Breivik almeno si roda il fegato, visto che non c'è punizione adeguata per il massacro che ha compiuto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©