Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Come sta cambiando il Medio Oriente

A Dubai la prima donna autista di metropolitana


A Dubai la prima donna autista di metropolitana
31/01/2012, 12:01

Ha 28 anni Mariam-al-Safar ed è in assoluto la prima donna di tutto il Medio Oriente che guida un treno della metropolitana. Accade a Dubai e a raccontarci la sua storia è la tv satellitare al- Arabya. "Cambia la prospettiva della gente rispetto alle donne del Medio Oriente, al loro lavoro e al loro know-how". Mariam, secondo la tv, non e' solo la prima donna alla guida del metro' negli Emirati, ma in tutto il mondo arabo. La metro di Dubai è tra i treni più moderni al mondo. I treni sono provvisti delle guida automatica ma la presenza a bordo di un dipendente altamente specializzato si rende indispensabile per provvedere alla gestione di eventuali emergenze. Mariam è orgogliosa di poter spiegare che il governo stia spingendo perché le donne acquisiscano la forza e la sicurezza necessarie per diventare padrone del proprio futuro e quindi incoraggia l’occupazione femminile nei settori più disparati, anche quelli tradizionalmente occupati dagli uomini. Qualcuno sostiene però che la scelta di accogliere sempre più donne anche in ambiti lavorativi che prima rimanevano loro estranei, è attribuibile in realtà ad una strategia del governo emiratino che intende ridurre la dipendenza di lavoratori stranieri. Ed in effetti a lavorare nella metropolitana di Dubai sono solo 130 locali, per un ammontare pari ad un esiguo 12% sul totale degli impiegati. Ma quali che siano state le motivazioni che hanno indotto il governo a dare l’accesso alla guida dei trasporti pubblici alle donne, di certo Mariam, così come testimonia la sua collega Faith Mutune, è una lavoratrice instancabile, che non disdegna turni di notte e che è praticamente ovunque. Un esempio significativo di donna, valido a prescindere dalla ubicazione geografica, che si prodiga nel lavoro, che non si risparmia e che è all’altezza delle responsabilità attribuitele.

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©