Dal mondo / America

Commenta Stampa

Cosa c'è dietro le riunioni segrete delle banche Usa?

A Wall Street il centro del New World Order?


A Wall Street il centro del New World Order?
13/12/2010, 10:12

NEW YORK (USA) - Una delle "favole" (almeno sono da considerare tali finchè non vengano dimostrate) più amate dai complottisti è quella del cosiddetto New World Order (Nuovo ordine mondiale, spesso abbreviato in NWO). Detta in breve, si tratta del fatto che esiste uno stretto nucleo di persone che in realtà governano il mondo, pur non avendo in realtà alcun potere politico. Queste persone possono far realizzare il loro piano - che ha anche connotazioni antiebraiche - perchè tra di essi ci sono i vertici delle principali banche d'affari nel mondo.
Da oggi, a giudicare dalle anticipazioni del New York Times, la favola acquista connotati di realtà. Infatti ogni terzo mercoledì del mese, secondo quanto riferisce ilquotidiano, nove persone, in rappresentanza di altrettante banche (Goldman Sachs, Morgan Stanley, JP Morgan, Citigroup, Bank of America, Deutsche Bank, Barclays, Ubs, Credit Suisse) si riuniscono e stabiliscono cosa fare sui mercati internazionali. In particolare - questo è il timore - sul mercato dei derivati ed in generale delle speculazioni internazionali.
Ma indagare è difficile. Tuttavia c'è già un precedente: l'indagine partita dopo lo scorso 9 febbraio, quando tutte le banche americane scatenarono un attacco compatto contro l'euro, con oltre 54 mila contratti futures (numero decisamente esagerato) che scommettevano sul crollo della moneta europea. Ma basterà? E soprattutto, fino a che punto questa specie di commissione segreta influisce sull'andamento delle borse e delle speculazioni? Non è che sono proprio loro a generarle? Le domande non sono aleatorie, ma molto concrete

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©