Dal mondo / America

Commenta Stampa

Colorado, Monte Bierstadt, lascia l'animale a 4 mila metri

Abbandona il cane su un monte, salvato grazie a Internet

Una coppia scrive su Facebook e su un sito di alpinisti

Abbandona il cane su un monte, salvato grazie a Internet
20/08/2012, 12:19

DENVER (STATI UNITI) - Otto giorni sul Monte Bierstadt, a quota 4 mila metri, in Colorado non sono stati certo una passeggiata per Missy, il cane abbandonato quindici giorni fa da Antonio Ortolani di Westminster e poi ritrovato da un team di 8 alpinisti. Davanti alle forze dell'ordine, l'uomo ha ammesso di aver lasciato la cagnolina, un pastore tedesco, in cima alla montagna. Ha spiegato che il cielo era diventato minaccioso e lui doveva badare al figlio da portare in salvo prima della tempesta. Adesso però è accusato di crudeltà verso gli animali e il cane potrebbe essere affidato ai suoi soccorritori.
Lo scorso 5 agosto, dopo aver abbandonato il proprio cane in cima alla montagna, Ortolani è sceso a valle. Secondo il suo racconto, si sarebbe rivolto a un Ranger, che ha dichiarato di non poter salire sul monte per recuperare un animale con una tempesta imminente. Dopo sei giorni, Scott Washburn e la moglie Amanda hanno ritrovato Missy mentre salivano sul Monte Bierstadt. La cagnolina era in un anfratto e si proteggeva dal freddo. La coppia ha provato a sollevarla per portarla giù, ma si sono accorti che era troppo pesante. A quel punto, le hanno bendato le zampe e sono scesi a valle. I due hanno chiesto a una guardia forestale di aiutarli a salvare Missy, ma hanno ricevuto la stessa risposta data a Ortolani. Hanno così deciso di affidarsi a Facebook e a un forum di alpinisti. Hanno lanciato il loro Sos e in breve tempo sono stati tempestati di domande, commenti.
Si è subito formato un gruppo di volontari, nonostante in cima alla montagna sia cominciato a nevicare. Il team di alpinisti ha trovato Missy ancora viva, anche se malridotta. Ci sono volute 9 ore di discesa, una buona dose di coraggio per affrontare la tormenta di neve e riportare in salvo la cagnolina. Ora la storia è finita in tribunale e lo sceriffo Rick Safe di Clear Creek ha spiegato che Ortolani sarà chiamato a giudizio il prossimo 16 ottobre, rischia 18 mesi di prigione e 5 mila dollari di multa. Inoltre un giudice deciderà sull'affido del cane.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©