Dal mondo / America

Commenta Stampa

Si tratta di Conrad Murray, medico curante dell'artista

Accusato dell'omicidio di Jacko, si consegna alle autorità


Accusato dell'omicidio di Jacko, si consegna alle autorità
03/02/2010, 16:02

LOS ANGELES - A quanto pare, Conrad Murray si è stancato di scappare. Secondo quanto dice il suo avvocato Ed Chernoff, il medico ha intenzione di consegnarsi alla Polizia di Los Angeles e di essere processato. L'uomo dovrà rispondere dell'accusa di omicidio nei confronti di Michael Jackson, morto a causa di una iniezione di Propofol, un potente anestetico. Secondo l'accusa, il medico somministrò all'artista, in quella tragica notte, diversi analgesici, per lenire il fortissimo dolore alla schiena che Jacko aveva. Ritenendo che potessero dargli sollievo, gli fece una serie di iniezioni a distanza di una o due ore una dall'altra. Ma il cantante continuava a lamentarsi, che voleva "il suo latte", come chiamava quell'anestetico. Infatti, soffrendo di dolori da anni, ormai si era assuefatto agli analgesici normalmente usati, anche a quelli più forti. Negli ultimi tempi aveva cominciato ad usare il Propofol, un anestetico normalmente usato in sala operatoria, ma lo usava con una tale frequenza da avergli dato quel nomignolo. Ma quella sera, l'anestetico andò ad unirsi a tutte le iniezioni precedentemente fatte, causando un arresto cardiaco.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©