Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ancora una volta un ordigno esplosivo messo sulla strada

Afghanistan: 4 soldati italiani feriti


Afghanistan: 4 soldati italiani feriti
05/11/2009, 09:11

AFGHANISTAN - Ancora una volta un attentato contro i soldati italiani di stanza in Afghanistan. E secondo modalità usate cento altre volte: una carica di esplosivo posta ai lati della strada, sagomata in modo che colpisca chi passa sulla strada stessa e predisposta per esplodere al passaggio di un mezzo pesante. Un blindato Lince del nostro esercito è stato investito dall'esplosione e i quattro soldati a bordo (il primo caporal maggiore Luca Telesca; il primo caporal maggiore Francesco Catania e dei caporal maggiori Vincenzo Crispo e Francesco Munafò, tutti in servizio al 183/o reggimento della brigata Folgore di stanza a Pistoia) sono - secondo le dichiarazioni del portavoce del nostro esercito - "praticamente illesi" (il che vuol dire piccole ferite, come trauma da scoppio, escoriazioni o cose simili, ndr). Comunque i quattro hanno già avvisato le rispettive famiglie che stanno bene.
Nel frattempo l'Onu sta abbandonando l'Afghanistan. Il primo passo è stata la "ricollocazione" di 600 dei 1100 addetti, parte in luoghi più sicuri, parte in Paesi diversi. La decisione è stata presa dopo l'attacco alla foresteria dell'Onu di Kabul avvenuta pochi giorni fa. Ma è solo l'ennesima presa d'atto che gli eserciti occidentali stanno perdendo il controllo sul Paese in maniera sempre più veloce.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©