Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Otto le vittime di un altro attentato, nel nord del Paese

Afghanistan: attacco all'aeroporto di Jalalabad, morti 8 insorti


Afghanistan: attacco all'aeroporto di Jalalabad, morti 8 insorti
13/11/2010, 10:11

JALALABAD (AFGHANISTAN) - La polizia afghana, senza riportare il numero delle vittime nè dei feriti, ha riferito che i talebani hanno attaccato l'aeroporto di Jalalabad, nella zona est del Paese, dove si trova anche una base militare straniera. L'assalto è stato confermato dal capo della polizia provinciale di Nangarhar, Obidullah Talwar, ma senza la specificazione di ulteriori dettagli.
L'attentato è stato rivendicato dal portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, che ha parlato di un gruppo di 14 kamikaze che si è scontrato con le forze afghane ad internazionali. L'Isaf in un comunicato ha spiegato che gli insorti sarebbero passati all'offensiva nel distretto di Behsud sparando con armi di piccolo calibro. Otto insorti, di cui uno che indossava un giubbotto imbottito di esplosivo, sono stati uccisi dall'esercito afghano e dalla stessa Isaf, immediatamente intervenuti per reagire all'attacco. Ma alcuni talebani sono riusciti ad introdursi nell'aeroporto e a sparare sulle forze di sicurezza e sui civili: almeno due kamikaze, come riferisce il portavoce del governo provinciale Ahmad Zia Abdulzai, sono riusciti a farsi esplodere.
Intanto nella provincia di Kunduz, nel nord del Paese, si è verificato un altro attentato: l'esplosione di una motocicletta bomba in un mercato nel distretto di Imam Saheb ha provocato la morte di almeno otto persone, sei civili e due agenti della polizia. Altre 18 persone sono rimaste ferite. L'attentato ancora non è stato rivendicato, ma con ogni probabilità è da attribuire, anch'esso, ai talebani.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©