Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La missione internazionale continua nonostante le violenze

Afghanistan: attacco dei talebani a base Nato


Afghanistan: attacco dei talebani a base Nato
19/05/2010, 22:05

BAGRAM(AFGHANISTAN) – Continua l'ondata di violenza in Afghanistan.
Alle prime luci dell'alba, un gruppo di kamikaze talebani ha sferrato un duro attacco alla base Nato di Bagram, la più grande di tutto l'Afghanistan, gestita dagli americani. Secondo fonti militari, nell'attentato, sarebbero morti 11 ribelli e un contractor americano.
Per i talebani, invece, a cadere nell'attacco sarebbero stati 45 soldati stranieri.
L'attacco alla base aerea di Bagram è stato compiuto da un commando di almeno 20 persone con razzi, granate e colpi di mitra. La base di Bagram si trova a un'ora di auto dalla capitale.
Quella di oggi potrebbe essere l’inizio della grande offensiva di primavera che i talebani avevano annunciato contro le truppe della coalizione. Soltanto due giorni fa, a cadere vittime in Afghanistan, due militari italiani.
Tuttavia, nonostante le continue perdite, non cambiano gli obiettivi delle forze internazionali.
A Roma, nel corso di una conferenza stampa, il generale William Caldwell, capo degli addestratori Nato, ha assicurato: “La violenza cresce ma noi non ci scoraggiamo”. William Caldwell, da sei mesi a capo della missione di addestramento della Nato, ha assicurato che “la missione continuerà finché il Paese non sarà in grado di badare a se stesso”. Il generale statunitense ha ammesso anche che “nessuno si sarebbe aspettato un aumento della violenza con l'aumento delle forze dispiegate” ma, nello stesso tempo, ha confermato che il piano stabilito dal presidente Barack Obama proseguirà fino ad agosto. Sull'attuale efficienza delle forze di sicurezza afghane Caldwell, infine, ha elogiato l' “indispensabile supporto” dato sul campo dai carabinieri guidati dal generale Carmelo Burgio.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©