Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

Nel mirino un ospedale: “Senza precedenti”

Afghanistan, attentato suicida: 60 morti e 120 feriti

Karzai: “Il terrorismo minaccia il nostro Paese”

Afghanistan, attentato suicida: 60 morti e 120 feriti
25/06/2011, 13:06

AFGHANISTAN - È di almeno 30 morti e 45 feriti il bilancio di un attentato suicida nella provincia afghana di Logar, a sud di Kabul. La deflagrazione, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stata causata da un’autobomba: l’esplosivo sarebbe stato piazzato in un Suv. L’esplosione, secondo quanto ha riferito Din Mohammad Darwaish, un portavoce del governo provinciale, “ha colpito un ospedale nel distretto di Azra”: le vittime di questo nuovo atto terroristico che sconvolge ancora una volta il paese afghano, dunque, sono tutti pazienti, visitatori e personale ospedaliero, che al momento dello scoppio si trovavano presso la struttura pubblica.
Il terrorismo “si estende e minaccia più che mai l’Afghanistan e la sua regione”: è quanto ha detto il presidente afgano, Hamid Karzai, durante una conferenza internazionale sul terrorismo che riunisce numerosi capi di Stato a Teheran. “Purtroppo, nonostante tutti i progressi nei settori dell’istruzione e della ricostruzione delle infrastrutture, non soltanto l’Afghanistan non ha ancora raggiunto la pace e la sicurezza, ma il terrorismo continua a estendersi e minaccia più che mai l’Afghanistan e la sua regione”, ha dichiarato Karzai durante il suo intervento davanti ai suoi omologhi, tra cui i capi di Stato iraniano, pachistano e iracheno. “La pace, la stabilità dei nostri paesi sono minacciate, la loro esistenza e la loro integrità sono realmente minacciate”, ha informato Karzai, affermando che “tutti i paesi della regione devono combattere il terrorismo”.

AGGIORNAMENTO ORE 13:05
È salito a 60 morti e 120 feriti il bilancio dell’attacco suicida. L’attentato arriva dopo l’annuncio del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, del ritiro dal paese di 10.000 soldati entro quest’anno, e all’indomani di un altro attacco al Nord dell’Afghanistan che ha ucciso 10 persone. L’attentato, che ha causato la morte di donne e bambini, è stato descritto come “senza precedenti” nella storia della guerra afgana. “A causa di questo attacco straziante, 60 dei nostri connazionali, compresi bambini, donne, giovani e uomini sono rimasti uccisi e altri 120 feriti, tra cui operatori sanitari”, si legge in una nota del ministero della Sanità. “Questo atto inumano è senza precedenti nella storia del conflitto nel nostro Paese, mirato a un luogo dove le ferite sono guarite e i pazienti ricevono le cure”. Nella nota viene espresso anche “disgusto e odio verso i responsabili” di quanto accaduto.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©