Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

AFGHANISTAN, COMINCIANO LE REGISTRAZIONI PER LE ELEZIONI PRESIDENZIALI


AFGHANISTAN, COMINCIANO LE REGISTRAZIONI PER LE ELEZIONI PRESIDENZIALI
06/10/2008, 09:10

Cominciano in Afghanistan le procedure per le elezioni presidenziali. E il primo passo, vista la totale assenza di una anagrafe degna di tale nome, è la registrazione di chi intenderà partecipare al voto. E Zekria Barakzai, vice capo della Commissione Elettorale Indipendente (bel coraggio, a chiamare così una commissione nominata dal governo, ndr), ha denunciato come in diverse regioni, non meglio identificati "elementi antigovernativi" stanno ostacolando o impedendo la registrazione; inoltre in diverse moschee si stanno diffondendo inviti a non registrarsi o - quanto meno - non andare a votare. E, a dare una mano a costoro, c'è stata la diffuzione della notizia, ieri, che il fratello del Presidente Karzai è stato beccato ben due volte dalle forze di sicurezza mentre collaborava nel contrabbando di droga. Infatti, anche se non se ne parla mai, a partire dal 2002 la produzione di oppio e di papaveri da oppio è aumentata in misura smisurata, tanto che oggi l'80% della droga prodotta nel mondo proviene dagli altopiani afgani. Un bella differenza, rispetto al 2001, quando il Mullah Omar detteordine di distruggere tutti i campi di papaveri, determinando una impennata notevole del prezzo della droga nelmondo. Ma erano altru tempi.

Altro dato che va a sfavore dell'idea di votare alle presidenziali afgane: a che scopo votare un Presidente che è solo un fantoccio nelle mani degli americani e che deve chiedere il permesso ai soldati statunitensi anche se si deve soffiare il naso?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©