Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Un missile ha ucciso Al-Misri, numero 3 dell'organizzazione

Afghanistan, eliminato il capo di Al Qaeda


Afghanistan, eliminato il capo di Al Qaeda
28/09/2010, 19:09

KABUL - Sheikh Fateh al-Misri, il capo di Al Qaeda in Afghanistan e in Pakistan, è stato ucciso sabato da un missile lanciato da un drone statunitense: il notevole incremento degli attacchi dei droni senza pilota nelle aree montagnose del Pakistan, quasi uno al giorno nelle ultime settimane, per colpire i rifugi usati dai talebani per organizzare attentati contro le truppe americane in Afghanistan, ha già portato all’uccisione di diversi elementi di spicco della fazione terroristica che combatte nel paese.
Misri – secondo fonti americane – era il successore dell'egiziano Mustafa Abu al-Yazid, considerato il numero tre di Al Qaida (a sua volta ucciso da un missile lanciato da un drone della Cia nel maggio scorso). Il missile ha colpito sabato il veicolo Datsun su cui stava viaggiando insieme a tre pachistani nel Waziristan del Nord. L'attacco odierno, che ha ucciso i quattro militanti, è stato il ventunesimo lanciato dai droni della Cia nel solo mese di settembre portando a 75 il totale dall'inizio dell'anno. Nel mirino Usa sono soprattutto i rifugi dei talebani, di al Qaida e del gruppo militante Haqqani localizzati nel Nord Waziristan, un'area diventata una centrale operativa degli insorti per la riluttanza delle autorità del Pakistan nel lanciare azioni armate delle proprie truppe in tale regione. Altri quattro sospetti militanti integralisti islamici sono stati uccisi oggi in modo analogo nel Waziristan del Sud.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©