Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Lontana la firma dell'Accordo bilaterale sulla sicurezza

Afghanistan: Karzai chiede processo pace

La posizione non è piaciuta a Washington

Afghanistan: Karzai chiede processo pace
25/01/2014, 10:44

KABUL - Il presidente afgano Hamid Karzai non ha intenzione di firmare un accordo con gli Usa in assenza di progressi nel processo di pace. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa a Kabul, ribadendo che non opporrà la sua firma sull'Accordo bilaterale sulla sicurezza (Bsa) che dovrebbe entrare in vigore alla fine dell'anno se non riceverà convincenti garanzie riguardanti l'impegno di Washington ad operare per la pace. 
Di contro gli Usa vorrebbero concludere immediatamente l’accordo per organizzare la presenza militare statunitense in Afghanistan dopo il ritiro entro il 31 dicembre 2014 delle truppe da combattimento della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf, sotto comando Nato).
Dopo la riunione lo scorso anno della Loya Jirga (Gran Consiglio) che ha approvato sostanzialmente la definizione dell'accordo decennale, il capo dello Stato afghano ha suggerito che lo stesso dovrebbe essere firmato dal presidente che emergerà dalle elezioni previste per il cinque aprile.
Una posizione che non è piaciuta affatto a Washington che, però, non è riuscita a modificarla. Fra le pre-condizioni poste da Karzai, vi sono l'assicurazione della fine dei raid militari americani nelle case degli afghani e un reale coinvolgimento da parte degli Usa nel processo di pace con i talebani che, nonostante gli sforzi, non è ancora realmente cominciato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©