Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Sarkozy valuta il rientro delle sue truppe dal Paese

Afghanistan: morti 4 soldati francesi. Parigi si ritira

Uccisi da un uomo con la divisa dell’esercito afghano

Afghanistan: morti 4 soldati francesi. Parigi si ritira
20/01/2012, 12:01

KABUL – Un nuovo sanguinoso attacco in Afghanistan ha provocato la morte di quattro militari francesi. I soldati appartenevano alle truppe della Nato e sono stati uccisi da un uomo che indossava la divisa dell’esercito afghano, ora finito agli arresti. Secondo quanto viene spiegato da un ufficiale delle forze di sicurezza, il presunto soldato afghano “avrebbe aperto il fuoco sul contingente francese, provocando, oltre alle quattro vittime, anche sedici feriti”. L’assalto è avvenuto nel distretto di Tagab, che si trova nella provincia di Kapisa, nella parte orientale dell’Afghanistan.
Non si tratta del primo episodio che vede morire soldati francesi impiegati in quel territorio. Già lo scorso mese due soldati francesi del contingente Nato sono stati uccisi da un militare, che indossava l’uniforme dell’esercito afghano, nel corso di una missione a Kapisa, sede della base del contingente francese nel Paese: in quel caso l’uccisione è stata rivendicata dai talebani. L’episodio di questa mattina porta a 82 il numero dei soldati francesi uccisi in Afghanistan dal 2001. La Francia ha 3.600 militari nel Paese, impiegati in opere di pattugliamento e di addestramento dell’esercito afghano, soprattutto nelle province di Kabul e di Kapisa.
Numeri che mettono in allarme il presidente francese. La Francia, infatti, non esclude il ritiro anticipato dei suoi militari inviati in Afghanistan e sospende la missione di addestramento delle forze afghane. Lo ha detto il presidente Nicolas Sarkozy, dopo l’episodio di questa mattina: “La questione di un rientro anticipato dei militari francesi si pone qualora le condizioni di sicurezza non verranno ristabilite”, ha dichiarato Sarkozy. “Non posso accettare che soldati afghani sparino su soldati francesi”, ha aggiunto. Intanto il ministro della Difesa, Gerard Longuet, è in arrivo in Afghanistan per valutare la situazione.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©