Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La maxi-evasione è stata rivendicata dai talebani

Afghanistan, oltre 500 detenuti evadono dal carcere


Afghanistan, oltre 500 detenuti evadono dal carcere
25/04/2011, 10:04

KABUL (AFGHANISTAN) - Più di 500 detenuti, per la maggior parte talebani, sono evasi questa notte dal carcere di Kandahar, nell'Afghanistan meridionale, attraverso un tunnel sotterraneo lungo centinaia di metri.
A dare la notizia della fuga di massa è stato lo stesso direttore del penitenziario, il generale Ghulam Dastageer Mayar, che ha spiegato in che modo i 541 prigionieri sono fuggiti attraverso una galleria, lunga circa 360 metri, che collega l'interno del carcere con una zona a sud di quest'ultimo, all'esterno. La notizia, poi, è stata confermata dal portavoce del governatore provinciale, Zalmay Ayoui.
Il portavoce talebano Yousuf Ahmadi, in seguito, attraverso un comunicato ha rivendicato l'evasione. La galleria, che passa sotto i posti di blocco dell'esercito e sotto la pricipale strada per Kabul, è stata scavata in cinque mesi. Non appena è stata ultimata, domenica sera, i detenuti, di cui solo 106 sono prigionieri politici mentre tutti gli altri sono combattenti mujaheddin, hanno iniziato la fuga verso l'esterno, dove li attendevano alcuni mezzi per il trasferimento in luoghi sicuri. L'evasione è iniziata alle 23 ora locale (20,30 in Italia) ed è durata quattro ore e mezzo.
L'evasione è avvenuta soltanto pochi mesi dopo il passaggio della responsabilità della sicurezza alle forze afghane, passaggio che dovrebbe essere completato nel 2014. Già nel 2008 c'era stata una maxi-evasione dal carcere dell'ex roccaforte dei talebani, quando i guerriglieri avevano fatto saltare in aria il cancello del penitenziario, permettendo ad un migliaio di detenuti di evadere da quello che dovrebbe essere il carcere più sicuro del Paese.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©