Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

I due colpiti da un afgano con la divisa dell'esercito

Afghanistan: sparatoria in una base italiana, un morto ed un ferito


Afghanistan: sparatoria in una base italiana, un morto ed un ferito
18/01/2011, 17:01

BALA MURGHAB (AFGHANISTAN) - Ancora soldati italiani morti o feriti in Afghanistan. In un avamposto italiano, denominato Highlander, situato a poca distanza da Bala Murghab, città a poca distanza dal confine col Turkmenistan, un soldato italiano è rimasto ferito ed un altro è stato ucciso, durante un conflitto a fuoco. La dinamica non è chiara: l'unica cosa che si sa è che qualcuno ha sparato e colpito i nostri due militari.
Naturalmente sono subito iniziate le solite dichiarazioni di prassi: il Ministro della DIfesa La Russa, per esempio, ha detto alla stampa che ci sono aspetti da chiarire e ha convocato i vertici militari. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un comunicato ha espresso la propria "profonda commozione".
Più articolato il comunicato emesso dal Ministro degli Esteri Franco Frattini: "Esprimo il mio personale dolore e cordoglio per la tragica scomparsa di un militare italiano e il grave ferimento di un secondo. Si tratta purtroppo di un ulteriore, carissimo contributo pagato dai nostri soldati nella loro quotidiana lotta contro il terrorismo internazionale. Il tragico episodio odierno è un ulteriore motivo per proseguire nello sforzo di stabilizzazione dell'Afghanistan ed ancor più accelerare il processo, già avviato, di transizione ed afghanizzazione che consentirà di trasferire all'esercito ed alla polizia afgani le responsabilità di sicurezza del proprio Paese".
Insomma, un'altra occasione per cercare consenso elettorale col sangue dei soldati mandati in Afghanistan per invadere il Paese e a fare da bersagli.

AGGIORNAMENTO ORE 17.15

Secondo quanto dichiarato dal generale Massimo Fogari, capo ufficio stampa della Difesa, i due soldati sono stati colpiti da una persona con la divisa di soldato dell'esercito afgano, che a sua volta è stata uccisa dagli altri soldati presenti. Rimane il dubbio se si tratti di un insorto infiltratosi nelle file dell'esercito afgano oppure di uno che ha indossato la divisa solo per eseguire la sua azione suicida.
Intanto sono state rese note le generalità del soldato ucciso. Si tratta di Luca Sanna, 32 anni, residente a Lusevera, in provincia di Udine, ma nato a Samugheo, in provincia di Oristano.
Sulle cause dello scontro a fuoco, il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa ha dato la propria versione: "Per la prima volta dopo tanti anni non siamo più solo dentro le basi fortificate ma miriamo a controllare il territorio, e a fare in modo che effettivamente la popolazione afghana possa rientrare nei propri villaggi, il che significa avere avamposti di pochi metri quadrati difesi dai militari italiani e dai militari afghani e quindi più facilmente soggetti ad attacchi, sparatorie e conflitti con insorti"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©