Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

AFGHANISTAN, STUDENTE CONDANNATO AL CARCERE PER BLASFEMIA


AFGHANISTAN, STUDENTE CONDANNATO AL CARCERE PER BLASFEMIA
21/10/2008, 17:10

Una corte d'appello afghana ha annullato la sentenza di condanna a morte contro uno studente di giornalismo accusato di blasfemia, condannandolo però a 20 anni di reclusione. La decisione della corte d'appello può essere impugnata davanti alla Corte suprema. Secondo l'accusa il giovane, Parwez Kambakhsh, interrompeva le lezioni facendo domande sui diritti delle donne previsti dall'Islam, e ha distribuito illegalmente un articolo stampato da Internet, in cui si chiedeva perché la fede islamica non si modernizza per dare più diritti alle donne. La condanna a morte nei suoi confronti era stata presa a esempio della deriva conservatrice dell'Afghanistan di oggi.  
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©