Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Rilasciato l'uomo che aveva una relazione con la donna

Afghanistan, vedova incinta uccisa con duecento frustate


Afghanistan, vedova incinta uccisa con duecento frustate
09/08/2010, 11:08

Una vedova afgana di 48 anni, accusata di aver avuto una relazione con un uomo e di essere rimasta incinta, è stata massacrata con violenza inaudita in pubblico. E' morta in seguito a una condanna atroce, che viene spesso inflitta in casi simili.
La morte è sopraggiunta dopo duecento frustate e diversi colpi di arma da fuoco. Anche l'uomo, ritenuto colpevole di aver avuto rapporti con la donna, è stato catturato dai talebani, ma poi rilasciato in seguito al pagamento di una grossa somma di denaro. E' accaduto a Badghis: la notizia è stata diffusa dall'amministrazione locale e confermata da fonti talebane. Sembra che l'uomo, che aveva una relazione con la donna punita in pubblico fino alla morte, avesse promesso più volte alla vedova il matrimonio. La donna afgana aveva già due figli, che però non vivevano con lei, da tempo erano emigrati in Iran per cercare lavoro.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©