Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Il pirata Aden:"Abbiamo ricevuto 4 milioni come riscatto"

Ai pirati della Bucanneer pagato riscatto da 4 milioni di $


Ai pirati della Bucanneer pagato riscatto da 4 milioni di $
10/08/2009, 13:08

Parlava di una liberazione avvenuta senza alcun blitz e senza alcun pagamento di riscatto il Ministro Frattini che, stamani, tramite le pagine de "Il Giornale", commentava trionfante un "lavoro eccezionale" del governo Italiano e di quello Somalo. A rovinare la festa a Frattini sarebbe stato, però, proprio uno dei pirati coinvolti nel sequestro. Il bucaniere, che si chiama Aden, ha infatti dichiarato alle agenzie di stampa: "Abbiamo ricevuto un riscatto di quattro milioni di dollari e abbiamo liberato il rimorchiatore italiano. È già partito".
A conferma di tale rivelazione, arrivano anche le parole di Andrew Mwangura, coordinatore del gruppo marittimo locale dell'East African Seafarers'Assistance Programme.
Mwangura parla addirittura di 5 milioni di dollari ricevuti dai pirati-rapitori e assicura che, i fuorilegge: "Li stavano contando ieri". Alla luce di queste nuove dichiarazioni, parrebbe dunque necessario chiarire chi dei "dichiaranti" ha mentito: il governo nazionale nella persona di Frattini o i pirati somali e Mwangura. I filo-berlusconiani urleranno all'ennesimo complotto anti-Premier (magari i Pirati Somali, sotto sotto, sono anche loro un po' comunisti, bugiardi ed eversivi) e, gli anti-berlusconiani, daranno per certe le dichiarazioni di un gruppo di lestofanti; denunciando il governo millantatore. Gli obiettivi, probabilmente, si chiederanno quali ragioni potrebbero spingere un gruppo di bucanieri somali a mentire e quali, invece, sono quelle che possono muovere false dichiarazioni da parte di Frattini...le conclusioni, quasi sicuramente, sarà meglio trarle tra qualche giorno. Ora, il fatto che conta, è che quei 16 prigionieri sono liberi e finalmente di nuovo vicini alle loro famiglie.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©