Dal mondo / America

Commenta Stampa

AIG: manager restituiscono 50 milioni (ma manca ancora un centinaio di milioni)


AIG: manager restituiscono 50 milioni (ma manca ancora un centinaio di milioni)
24/03/2009, 08:03

24 manager della AIG (il colosso statunitense delle assicurazioni, in crisi da settembre scorso e che ha avuto finanziamenti federali per 170 miliardi di dollari) hanno deciso di restituire i bonus che si erano distribuiti a dicembre, per un totale di una cinquantina di milioni. A compiere questo passo sono stati 15 dei 20 manager della divisione prodotti finanziari e 9 dei 10 manager che hanno avuto i bonus più pesanti. Non è che sia stata una improvvisa resipiscenza, ma hanno preferito non rischiare l'imputazione di esserso presi indebitamente dei soldi federali, visto che in caso di condanna - quasi certa in questo caso - avrebbero dovuto scontare anche 30 anni di prigione. Infatti questi soldi che i manager si erano divisi facevano parte dei finanziamenti che la AIG aveva ricevuto per il salvataggio. Si tratta di 165 milioni, in totale, che i manager si erano divisi tra di loro; cosa che ha scatenato un vero putiferio sulla stampa americana. Il primo ad applaudire alla scelte dei 24 manager è stato il Procuratore Generale di New York, Mario Cuomo.
Questo dovrebbe alleviare la posizione di Ben Bernakke, presidente della Federal Reserve, e di Tim Geithner, Segretario al Tesoro, che in settimana dovranno affrontare la Commissione del Senato sui finanziamenti dati alla AIG. In particolare, è delicata la posizione di Geithner, accusato di avere dato a marzo il nulla osta per un'ultima tranche di aiuti pari a 30 miliardi al colosso assicurativo, quindi dopo che era scoppiato lo scandalo. Tanto che sono in molti a chiedere le sue dimissioni. Ma il Segretario al Tesoro ha replicato che lui è venuto a sapere della faccenda solo il 10 marzo e di aver provato a bloccare le erogazioni, ma senza esito, perchè non aveva i mezzi legali per farlo. Dopo di che il 12 ha informato la Casa Bianca. Sarà sufficiente questa come linea di difesa?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©