Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Proposta la stabilizzazione di tutte le colonie illegali

Al Jazeera: Anp pronta ad enormi concessioni verso Israele

Ma Tel Aviv ha significativamente detto di no

Al Jazeera: Anp pronta ad enormi concessioni verso Israele
24/01/2011, 09:01

TEL AVIV (ISRAELE) - La Tv satellitare del Qatar Al Jazeera ha pubblicato, in collaborazione col quotidiano inglese Guardian, 1600 documenti relativi ai colloqui di pace tentati tra Israele e l'Autorità nazionale palestinese. L'offerta era rimasta segreta, ma è scioccante per il mondo arabo: Abu Mazen - attraverso l'ex premier  Ahmed Qurei - nel 2008 offrì all'allora Segretario di Stato Usa Condoleeza Rice e all'allora Ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni il possesso definitivo di tutte le colonie illegali impiantate dal governo israeliano con la sola eccezione di Jabal Abu Ghenim, chiamata dagli israeliani Har Habal. Al diniego degli israeliani, che reputavano l'offerta insufficiente, i palestinesi aggiunsero anche l'accettazione di un rientro solo simbolico, senza alcun risarcimento dei danni, per le centinaia di migliaia di palestinesi cacciati dalle loro terre al momento della creazione dello Stato di Israele; inoltre aveva accettato la condizione imposta da Israele di una Palestina per sempre demilitarizzata. Ma anche questa offerta venne rifiutata dal governo israeliano, in quanto insufficiente. In un incontro con il consigliere di Barack Obama, David Hale, il negoziatore palestinese Saeb Erekat  disse: "Abbiamo dato la più grande Yerushalaim nella storia degli ebrei, il ritorno simbolico dei rifugiati, uno stato demilitarizzato... che altro possiamo fare?".
Due cose balzano agli occhi: Innanzitutto il fatto che l'Anp ha completamente alzato le braccia e si è arresa, disposta a rinunciare ad ogni diritto e ad ogni cosa, pur di conservare il loro potere, per quanto minimo. La seconda riguarda il comportamento di Israele: le concessioni dei palestinesi sono molto più di quanto ufficialmente vuole il governo di Tel Aviv. Quindi qual è l'obiettivo vero di Israele? Più di quanto i palestinesi hanno offerto, c'è solo l'espansione territoriale in tutta la Palestina, con lo sterminio degli attuali abitanti. Come sta succedendo a Gaza, in un silenzio assoluto che ricorda quello che avvolgeva i campi di sterminio nazisti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©