Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I terroristi volevano attaccare strutture pretolifere

Al Qaeda: annientata definitivamente la rete saudita


Al Qaeda: annientata definitivamente la rete saudita
24/03/2010, 20:03

RIAD - Le autorità saudite non hanno dubbi: con l'ultima massiccia e rapida operazione antiterrorismo hanno di fatto sgominato la rete dell'organizzazione di Osama bin Laden infiltrata in Arabia; in particolare nel sud del paese. I militanti arrestati sono infatti 133 e, le quantità di armi ed esplosivi sequestrati, sono considerevoli. Secondo il governo di Riad, i terroristi appena arrestati stavano progettando "imminenti attacchi" ad alcune importanti strutture petrolifere del paese.
La poderosa operazione si svolta proprio nella regione a maggior concentrazione terroristica: gli arresti si sono difatti verificati nel Jazan; nelle immediate prossimità del confine con lo Yemen. Non a caso, del resto, 52 degli ammanettati sono proprio di nazionalità yemenita, gli altri 58 sono invece sauditi. I restanti tre vengono rispettivamente dalla Somalia, dal Bangladesh e dall'Eritrea. 
Il colonnello Mansour al Turki, portavoce del ministero degli Interni, ha raccontato ad alla nota emittente panaraba al Arabiya alcuni dettagli sui gruppi di estremisti fermati. Alcune delle cellule individuate dai militari, risultavano essere totalmente indipendenti ed addirittura ignare l'una dell'altra. Composte in tutto da sei elementi ciascuna, pare si stessero preparando a diversi attacchi suicidi.
L'operazione, la cui data di attuazione non è ancora nota, fa seguito ad un'altro blitz che, nell'agosto scorso, aveva portato all'arresto di altri 44 terroristi. Secondo le autorità, i 44 erano le "le menti di al Qaeda". Motivo? Tutti quelli che sono finiti in manette erano laureati e possedevano diversi dottorati e titoli come tecnici delle comunicazioni. Dopo la "mente", dunque, pare sia stato colpito anche il "braccio" di un'organizzazione capillare che ha l'obbiettivo dichiarato di voler rovesciare il governo saudita. Gli attentati ai funzionari di Riad sono infatti numerosi e celano il piano preciso di instaurare con la forza (ed il sangue) un nuovo califfato islamico in Arabia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©