Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il ragazzo è alcolista, ha cominciato a bere a 13 anni

Alcol&giovani: 22enne inglese in fin di vita per cirrosi epatica


Alcol&giovani: 22enne inglese in fin di vita per cirrosi epatica
20/07/2009, 20:07

Gary Reinbach è un ragazzo inglese di ventidue anni. Vive a Dagenham, nell’Essex. Se non riuscirà a sottoporsi ad un trapianto potrebbe morire a breve, divorato dalla cirrosi epatica. Malgrado la sua giovane età, la sua vita è già in pericolo per colpa dell’alcol: ha cominciato a bere quando aveva 13 anni, aumentando man mano le quantità, fino a trovarsi a 22 anni con un fegato irrimediabilmente danneggiato. Quando è stato ricoverato per la prima volta, dieci settimane fa, le sue condizioni erano disperate: i medici hanno diagnosticato una cirrosi al fegato, con solo il 30% di possibilità di sopravvivere.
Il caso ha conquistato ampi spazi sui giornali, che in questi giorni hanno ripreso a parlare del problema dei ragazzini già dipendenti dagli alcolici. All’University College Hospital di Londra, dove Gary Reinbach è ricoverato, hanno provato tutte le cure possibili: è stato persino utilizzato un fegato artificiale, arrivato appositamente da un ospedale di San Diego, in California, ma la situazione del 22enne non ha registrato alcun miglioramento. L’ANSA riporta le dichiarazioni di Raj Mookerjee, uno dei medici dell’ospedale. “I giovani si possono procurare con facilità grandi quantità di alcolici. In meno di dieci anni questo ragazzo ha sviluppato una cirrosi avanzata. Questo conferma un sospetto che nutriamo da tempo, - ha spiegato Mookerjee, - ovvero che il fegato ad una giovane età è più vulnerabile”. Un portavoce di Alcohol Concern, un centro contro l’alcolismo, ha aggiunto: “Le statistiche dimostrano che sempre più persone contraggono malattie al fegato dopo i 30 anni e se un numero crescente di adolescenti beve, la gente si ammalerà ancora più giovane”.
Madeline Hanshaw, la madre di Gary, ha dichiarato di non essersi mai accorta del problema del figlio all’inizio, perché lei era sempre al lavoro. “Credo sia troppo facile per i ragazzi procurarsi degli alcolici. Si può comprare una bottiglia di whisky per 7 sterline, - ha commentato, - Gary non sapeva cosa faceva quando aveva 13 anni. Non sapeva che si sarebbe ridotto così a 22 anni. Non sapeva che sarebbe morto. Tutti i suoi amici che bevevano con lui sono ancora a casa loro, stanno bene”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©