Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Nessuna conferma della Farnesina che sta verificando

Algeria: Maria Sandra Mariani sarebbe stata liberata

La turista italiana fu rapita l’anno scorso a Djanet

Algeria: Maria Sandra Mariani sarebbe stata liberata
17/04/2012, 16:04

ROMA - Maria Sandra Mariani, la turista italiana rapita nel febbraio 2011 in Algeria, sarebbe stata liberata: lo riferisce la tv satellitare saudita Al Arabiya, con un flash della sua edizione on line . Mariani (di 53 anni) fu sequestrata il 2 febbraio 2011 a circa 200 chilometri a sud della città algerina Djanet. La donna di San Casciano Val di Pesa (Firenze), si trovava in Algeria per turismo, quando un gruppo di uomini armati a bordo di un fuoristrada la prelevò, insieme a una guida e a un cuoco, che furono poi rilasciati. Al momento non vi sono ancora conferme ufficiali della sua liberazione, e al riguardo la Farnesina sta effettuando le dovute verifiche, ma, secondo quanto riporta l’emittente satellitare, la donna si troverebbe in questo momento nel Burkina Faso. “La cittadina italiana rapita a Djanet, nel sud dell’Algeria, è stata liberata”: è questo il testo della breaking news sul sito di Al Arabiya. Sono due le donne italiane rapite in Algeria: sono la turista Maria Sandra Mariani e la coooperante sarda Rossella Urru. In queste ore, tanto la Farnesina quanto lo stesso ministro degli Esteri Giulio Terzi, personalmente “attraverso l’Unità di Crisi stanno seguendo costantemente gli sviluppi del caso”. Qualora la notizia dovesse essere confermata, si tratterebbe della liberazione dell’italiano da più tempo in mano ai rapitori. Durante quest’anno di prigionia i rapitori hanno diffuso due video. Nel primo, trasmesso pochi giorni dopo il sequestro, Mariani confermava di essere nelle mani dei fondamentalisti dell’Aqmi. Un secondo video è stata diffuso all’inizio di maggio, mentre a metà dello stesso mese il ministro per il Turismo aveva affermato che la turista italiana era “ancora in vita e in buona salute”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©