Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Presidiato l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv

Allerta in Israele per il “Flytilla Day” dei filo-palestinesi


Allerta in Israele per il “Flytilla Day” dei filo-palestinesi
15/04/2012, 10:04

TEL AVIV – Stato di allerta in Israele dove la polizia israeliana sta presidiando l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv (nella foto), dove sta per  scattare la operazione 'Benvenuti in Palestina' indetta per oggi da diverse organizzazioni filo-palestinesi per denunciare la occupazione nei Territori e le limitazioni di transito imposte a palestinesi e non dalle autorità israeliane.

Oltre seicento agenti, per lo più in borghese, sono stati dislocati nella zona del terminal per intercettare i militanti della spedizione denominata “Flytilla” in arrivo da diverse capitali straniere, in vista di una loro immediata espulsione.

Secondo i mezzi di comunicazione, Israele ha già esercitato pressioni su diverse compagnie aeree affinché si rifiutino di far salire a bordo dei loro aerei numerosi attivisti già distintisi in passato in manifestazioni anti-israeliane. Ciò nonostante i responsabili alla sicurezza prevedono che un certo numero di dimostranti filo-palestinesi riusciranno egualmente a raggiungere Tel Aviv a bordo di una decina di voli diversi.
Gli attivisti hanno assicurato da parte loro di non aver alcuna intenzione di disturbare l'ordine pubblico. "Giungiamo armati solo dei nostri spazzolini da denti" ha assicurato uno dei loro esponenti. La loro intenzione immediata, ha aggiunto, é di raggiungere la città cisgiordana di Betlemme per partecipare alla inaugurazione di un istituto scolastico.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©