Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

L’attivista lo dichiara a Femen.org

Amina Tyler scappa di casa

La donna è stata contatta via Skype

Amina Tyler scappa di casa
15/04/2013, 17:47

TUNISI- Amina Tyler, la ragazza attivista delle Femen, è scappata di casa. La notizia verrebbe confermata dalla stessa tunisina che sarebbe stata contattata dal gruppo di cui è parte, attraverso Skype.
La giovane donna ha dichiarato che i suoi partenti stanno già provando a rintracciarla: “La mia famiglia ha già cominciato a cercarmi”.
La controversa vicenda della 19enne, rapita da alcuni familiari, sarebbe iniziata per avere pubblicato alcune sue foto a seno nudo, al fine di difendere la libertà delle donne nel suo Paese.
“Sono stata sequestrata da alcuni parenti, ma continuerò la protesta”.
Queste le parole di Amina che tra l’altro ha dichiarato di:
“Essere stata sottoposta ad un lavaggio del cervello, anche da parte di un imam, per impedirmi di ripetere il  gesto”.
Al sito Femen.org, la giovane che è stata bersaglio di violente critiche e minacce, ha raccontato in modo dettagliato le dinamiche della triste avventura di cui è  stata protagonista.
Amina sarebbe stata rapita nei giorni successivi alla sua protesta mentre era con degli amici.
Uno zio ed un cugino, l’avrebbero portata contro la sua volontà su un’autovettura e, dopo averle sottratto il cellulare l’avrebbero condotta  da  una zia. Qui saprebbero iniziate le violenze, la 19enne sarebbe stata picchiata. Amina ha aggiunto:
“Mi portavano tutti i giorni da un imam che mi parlava della religione”.
I parenti l’avrebbero poi fatta recare in un villaggio:
“Dove sono rimasta sequestrata per due settimane. Ho anche provato a fuggire, cercando di farmi prendere in macchina da qualche automobilista di passaggio, ma nessuno mi ha riconosciuto e per questo venivo subito dopo ripresa. Mi hanno dato forti dosi di medicinali per farmi dormire per tutto il giorno", ha dichiarato la giovane donna.

 

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©