Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La strategia del sindaco: alloggi in container per 6 mesi

Amsterdam allontana i 'cattivi cittadini' dalla città

Sarà punito chi assume atteggiamenti anti-sociali

Amsterdam allontana i 'cattivi cittadini' dalla città
07/01/2013, 18:13

AMSTERDAM (OLANDA) - Un'ordinanza comunale porterà i cittadini più incivili lontani dal centro di Amsterdam. Vicini particolarmente fastidiosi, cittadini violenti, incivili, razzisti o pericolosi saranno confinati in una zona fuori città, una sorta di 'ghetto' che ospiterà questi individui in alcuni container per 6 mesi. Vivranno sotto il controllo dei servizi sociali e della polizia. Si tratta della nuova strategia anti-violenza messa in campo dal sindaco laburista di Amsterdam, Eberhard van der Laan, che ha presentato il piano da 810 mila euro per affrontare così le 13 mila denunce di comportamenti anti-sociali presentate ogni anno. Dopo aver lanciato questa strategia, il sindaco è stato accusato di avvicinarsi troppo alle idee del leader xenofobo Gert Wilders. Dall'ufficio del primo cittadino spiegano che la nuova politica non ha nulla a che vedere con la proposta del leader di estrema destra, che parlava di "Villaggio della feccia" dove isolare i delinquenti della città. Uomini vicini al sindaco di Amsterdam chiariscono che questa soluzione vuole proteggere quei cittadini che subiscono continue intimidazioni e offese, soprattutto gay e lesbiche, costretti spesso ad abbandonare la propria abitazione e trasferirsi altrove per vivere più tranquilli. Il nuovo dispositivo di legge ribalterà la realtà e allontanerà coloro che offendono e aggrediscono. Il personale dell'amministrazione comunale tranquillizza, spiegando che si tratta di "non più di 10 casi all'anno. Lo scopo è riabilitarli durante i 6 mesi, non di espellerli dalla nostra società".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©