Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Come in Germania, con le stesse limitazioni

Anche in Spagna ok dei vescovi alla pillola del giorno dopo


Anche in Spagna ok dei vescovi alla pillola del giorno dopo
27/02/2013, 09:32

MADRID (SPAGNA) - Dopo la Conferenza episcopale tedesca, anche quella spagnola dà il proprio via libera all'uso della pillola del giorno dopo, in caso di stupro. Ma con le stesse limitazioni decise dai vescovi tedeschi: permessa la pillola che impedisce la fecondazione, non quella che provoca l'aborto, come la RU486; e l'uso è  limitato al solo caso di stupro, definito "un atto di violenza e di ingiustizia". 
Si tratta comunque di un passo in avanti, forse più significativo di quello dei vescovi tedeschi, i quali, essendo in "competizione" con le chiese luterane e protestanti, che hanno tendenzialmente una visione meno bigotta e più aperta, "costringono" i vescovi tedeschi ad inseguire. Ma in Spagna non c'è nulla del genere: è sempre la "cattolicissima" Spagna, Lo stesso Paese che è sceso ripetutamente in piazza contro Zapatero, quando ha fatto la legge sui matrimoni omosessuali o quella sulle adozioni per le coppie di fatto; ma anche che apre all'uso di tecniche e farmaci moderni, per una situazione moderna. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©