Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Boko Haram respinge le accuse, rapito un tedesco

Ancora sangue in Nigeria: in fuga 35mila cristiani


Ancora sangue in Nigeria: in fuga 35mila cristiani
26/01/2012, 18:01

NIGER - Proseguono i raid armati in Nigeria, dove la scorsa settimana, nelle regioni settentrionali del Paese, si sono consumati una serie di attentati che hanno provocato la morte di 196 persone. Un ingegnere tedesco e' stato sequestrato da una banda armata a Kano, città a nord della Nigeria. Fonti di polizia hanno rivelato che l'uomo lavora per la società di costruzione Dantata&Sawoe ed hanno affermato, inoltre, di non avere "chiari indizi" sui possibili sequestratori. L'attentato a Kano e' stato rivendicato dalla setta terroristica islamica Boko Haram alla quale, comunque, non sono mai stati attribuiti in passato casi di sequestri. Intanto si e' fatto nuovamente vivo, con un video postato su Youtube, il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau. Nel messaggio, riportato anche da altri organi di informazione nigeriani, Shekau afferma che i membri di Boko Haram non sono responsabili dell'uccisione di "civili innocenti" a Kano, la cui responsabilita', afferma Shekau, ricade sulle forze di polizia nigeriane. Nelle scorse settimane, invece, un cittadino statunitense e' stato sequestrato nel sud della Nigeria, nel delta del Niger, zona dove i rapimenti a scopo di estorsione sono piu' frequenti.

Commenta Stampa
di daga
Riproduzione riservata ©