Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Erdogan: "La situazione sta rientrando nella normalità”

Ancora scontri in Turchia, salito a tre numero morti

Morto un manifestante 22enne

Nella foto il premier Erdogan
Nella foto il premier Erdogan
04/06/2013, 09:11

ANKARA – Ancora tensioni in Turchia, dove a seguito della rivolta e gli scontri che si sono succeduti  per le proteste anti-governative,  nei giorni scorsi,  è salito  a tre il numero dei morti:  un manifestante di 22 anni e' deceduto in ospedale dopo esser stato ferito alla testa nella provincia di Hatay, nel sud del Paese.

A renderlo   noto l'ufficio del governatore locale, citato dall'emittente Ntv. La vittima si chiamava Abdullah Comert ed era un militante del movimento giovanile del Partito repubblicano popolare (Chp), la principale forza d'opposizione laica al governo filo-islamico di Recep Tayyp Erdogan.   

E piazza Taksim, che ieri sera si e' riempita di nuovo di migliaia di manifestanti,  è sempre più simile  a quella del Cairo, di qualche tempo fa,  che pretese e ottenne la fine del regime di Mubarak. E come Mubarak allora, oggi, Il leader  Erdogan, sembra  non accorgersi di quanto sta  accadendo sotto i propri occhi.  

Il premier  turco  ha infatti così commentato:  "La situazione sta rientrando nella normalità”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©