Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Reazione all'iniziativa di una catena di supermercati

Arabia Saudita: fatwa contro le cassiere di sesso femminile


Arabia Saudita: fatwa contro le cassiere di sesso femminile
01/11/2010, 16:11

GEDDA (ARABIA SAUDITA) - Cosa c'è di strano, se un supermercato assume 16 cassiere? Apparentemente nulla, se succede in Italia. Ma è una cosa gravissima, se avviene in un Paese dove comanda l'estremismo islamico, come l'Arabia Saudita. E' successo alcune settimane fa nella città saudita di Gedda, per la prima volta in un Paese dove la separazione dei sessi è obbligatoria. E la risposta delle autorità religiose non si è fatta attendere: il comitato degli ulema (cioè degli iman anziani) hanno emesso una fatwa, cioè una condanna religiosa, contro coloro che assumono donne come cassiere dei negozi. Nel testo del provvedimento è specificato che "le donne devono cercare impieghi dove non possono essere attirati dagli uomini nè attirarli".
Si tratta solo dell'ennesimo episodio di questo genere in un Paese che, anche per motivi storici (in Arabia Saudita sono presenti le due città sacre, per gli islamici, di Medina e della Mecca), è la culla dell'Islam, ma è anche uno dei Paesi più religiosamente estremisti al mondo

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©