Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Bisogna verificare se il corpo ha tracce di polonio 210

Arafat assassinato? A novembre la riesumazione del corpo


Arafat assassinato? A novembre la riesumazione del corpo
31/10/2012, 09:00

RAMALLAH (CISGIORDANIA) - Un team di esperti svizzeri si preparera ad andare a Ramallah, in Cisgiordania, per esumare le spoglie del leader palestinese Tasser Arafat. Si tratta degli esperti inviati dalla magistratura francese che indaga sull'ipotesi che Arafat non sia morto per cause naturali, ma per avvelenamento da polonio 210. SI tratta di un elemento radioattivo e tossico, che, ingerito anche in microscopiche quantità, resta nell'organismo e lo avvelena fino alla morte. 
L'indagine è partita dopo la denuncia di Suha Arafat, vedova del leader palestinese scomparso, che ha contestato il certificato di morte fatto dai militari francesi (Arafat è morto in un ospedale militare) che parla di un esteso ictus, unito ad una vasta coagulazione del sangue in molte parti del corpo. Ed un primo esame sui vestiti che Arafat indossava allora ha dimostrato che gli stessi sono leggermente radioattivi. Una conseguenza normale, se del polonio 210 fosse stato nel corpo del leader palestinese. Da qui la necessità di riesumare il corpo e di esaminarne i resti, anche se  sono passati 8 anni dalla sua morte. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©