Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Si cercano prove della morte per avvelenamento da polonio

Arafat: istituto Losanna pronto a esaminare spoglie

La vedova chiede la collaborazione della giustizia francese

Arafat: istituto Losanna pronto a esaminare spoglie
24/08/2012, 18:09

La vedova di Yasser Arafat ha sollecitato la collaborazione della giustizia francese nell'inchiesta sulla morte dell'ex leader palestinese, del quale esperti svizzeri si sono detti pronti a esaminare i resti. E' quanto si è appreso dai suoi legali francesi. L'istituto di radiofisica del Centro ospedaliero universitario di Vaud (Chuv) a Losanna ha indicato che conta di inviare esperti a Ramallah, sede dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), per fare dei prelievi sui resti di Arafat, al fine di ricercare eventuali tracce di polonio, una sostanza radioattiva altamente tossica.

Il Chuv aveva scoperto una "quantità anormale" di polonio dopo aver analizzato campioni biologici prelevati sugli effetti personali dello storico leader palestinese, cosa che ha rilanciato la tesi della morte per avvelenamento. "Accogliamo con favore la posizione dell'Autorità palestinese che consiste nell'accettare la riesumazione del corpo", hanno affermato in un comunicato gli avvocati, Pierre-Olivier Sur e Jessica Finelle.

"Riteniamo tuttavia che questo atto dell'inchiesta debba essere compiuto in collaborazione con la giurisdizione francese, regolarmente interpellata, che deve designare un giudice istruttore per procedere alle indagini necessarie", hanno sottolineato gli avvocati. Secondo questi ultmi, "è opportuno attendere questa designazione che deve intervenire in modo estremamente rapido" nelle prossime settimane, se non giorni.

Con il polonio fu avvelenato nel 2006 a Londra Alexander Litvinenko, un ex agente segreto russo diventato un oppositore del presidente russo Vladimir Putin. I dirigenti palestinesi e i familiari di Yasser Arafat, deceduto l'11 novembre 2004 all'ospedale militare francese di Percy, nei pressi di Parigi, sono convinti che sia morte per avvelenamento. Souha Arafat, la vedova, ha presentato a fine luglio in Francia denuncia contro ignoti per omicidio.

Da parte sua, la direzione palestinese ha chiesto una commissione di inchiesta internazionale sul modello di quella formata sull'omicidio dell'ex primi ministro libanese Rafik Hariri nel 2005.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©