Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Bloccato per il sito qualsiasi accesso a risorse finanziarie

Assange: "Stanno uccidendo Wikileaks, togliendoci i soldi"


Assange: 'Stanno uccidendo Wikileaks, togliendoci i soldi'
11/01/2011, 09:01

INGHILTERRA - E' evidente la preoccupazione espressa da Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, durante una intervista alla radio Europe1. Parlando del suo sito, Assange ha detto: "Non potremo sopravvivere per come vanno le cose. Il denaro dei donatori stenta ad arrivare, perché tutti i nostri conti sono bloccati. Valuto che perdiamo 500.000 euro alla settimana". Naturalmente, assicura l'australiano, cercherà di controbattere con tutti i mezzi a sua disposizione.
Ma la situazione per Assange resta complicata. Oggi verrà decisa la data dell'udienza in cui si dovrà valutare la richiesta di estradizione della Svezia, dove due donne l'hanno accusato di aver avuto con loro rapporti sessuali non protetti (reato punibile con una multa di un migliaio di euro). Il tutto con l'incubo degli Usa, che hanno avviato una indagine illegale contro Assange, pretendendo dai social network (Facebook, Twitter e così via) tutte le comunicazioni avute dal profilo del fondatore di Wikileaks e di altre persone, tra cui il primo ministro islandese. Ma senza avvisare l'imputato e dargli modo di ricorrere ai suoi legali. E si sa che la Svezia sta chiedendo l'estradizione di Assange solo per poterlo consegnare al governo statunitense. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©