Dal mondo / America

Commenta Stampa

Husain Haqqani accusato di aver chiesto aiuto al presidente

Asse Usa-Pakistan: "Ambasciatore chiese aiuto a Obama"

La notizia è comparsa sul New York Times

Asse Usa-Pakistan: 'Ambasciatore chiese aiuto a Obama'
12/06/2012, 17:06

NEW YORK - Husain Haqqani avrebbe chiesto aiuto all'amministrazione Obama per prevenire un colpo di Stato, promettendo in cambio una maggiore disponibilità nei confronti delle richieste e degli interessi di Washington. E' l'accusa formulata contro l'ex ambasciatore pachistano negli Stati Uniti da una commissione d'inchiesta, che dopo cinque mesi di indagini ha sottoposto le sue conclusioni alla Corte Suprema. A parlarne è il New York Times. La Corte ha emesso, nei confronti di Haqqani, l'ordine di lasciare gli Stati Uniti, dove insegna alla Boston University, per tornare in Pakistan, dove potrebbe essere accusato di tradimento. Haqqani, dimessosi a novembre, non ha mai testimoniato di fronte alla commissione. Parlando al telefono dagli Stati Uniti, ha definito l'inchiesta “politica e di parte”. “Mi danno la caccia per la percezione che fossi filo-americano” ha spiegato l'ex ambasciatore. I risultati dell'inchiesta riaccenderanno in Pakistan le tensioni tra le autorità civili e militari, viste le voci su un possibile colpo di Stato militare che circolano da mesi. Ma i risultati dell'inchiesta potrebbero mettere in difficoltà anche il presidente Asif Ali Zardari, accusato di aver appoggiato il presunto approccio con l'amministrazione Obama. Secondo i media pachistani, la commissione considererebbe Haqqani l'autore di una nota segreta inviata nel maggio dello scorso anno all'ammiraglio Mike Mullen, all'epoca capo di Stato maggiore congiunto, cercando l'aiuto americano per evitare un possibile colpo di Stato militare in Pakistan. Nel documento, non firmato, Haqqani offrirebbe il suo aiuto per rendere più malleabile il Pakistan di fronte alle richieste e alle priorità del presidente Barack Obama. La vicenda, nata a ottobre da un articolo sul Financial Times, ha poi portato alle dimissioni di Haqqani e alla creazione di una commissione d'inchiesta. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©