Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Schiaffi e pugni, tutto in diretta tv

Atene: Condannata l'aggressione a due deputate

"La violenza avvenuta offende il senso democratico"

Atene: Condannata l'aggressione a due deputate
07/06/2012, 19:06

ATENE -  Nessun dubbio, l’aggressione, compiuta questa mattina ai danni di due deputate di sinistra da parte di Ilias Kasidiaris, portavoce del partito filonazista greco Chrysi Avgì (Alba d'Oro),  non può avere scusanti ed è così che, tutte le istituzioni e le forze politiche della Grecia, hanno condannato tale comportamento con piena fermezza. Lo spiacevole episodio si è verificato nel corso di una “tribuna politica” in diretta tv.  Dopo lo scoppio di un violento scontro verbale, Kasidiaris - contro il quale e' stato spiccato un mandato di cattura - ha prima lanciato un bicchiere d'acqua contro Rena Dourou della Coalizione delle Sinistre (Syriza, radicale) e ha poi schiaffeggiato e colpito a pugni al viso Liana Kanelli del Partito comunista (Kke).
“La violenza contro le due parlamentari da parte di un membro di Chrysi Avgì offende il senso democratico del popolo greco. Lo Stato non ammette fenomeni che violano le regole di una società democratica e colpiscono i nostri valori”, ha detto il presidente della Repubblica Karolos Papoulias.  “Questa azione e' un attacco contro ogni cittadino democratico”, ha sottolineato il portavoce del governo greco  Dimitris Tsiodras in un comunicato.
Antonis Samaras, leader di Nea Dimocratia ha aggiunto:  “La violenza e la provocazione sono fenomeni profonda decadenza”,  mentre il portavoce del Pasok, Fofi Gennimata, ha affermato che “Chrysi Avgi' e l'uovo del serpente, stanno giocando con il futuro del Paese e della democrazia”. “Siamo tutti contro questi neo-nazi che hanno rivelato la loro vera identità davanti alle telecamere”, ha invece  dichiarato Panos Kammenos, il leader del partito di destra Greci Indipendenti. “Il fatto di oggi - ha detto Aleca Papariga, il leader del Partito comunista – dovrà  significare 'Chrysi Avgi' fuori dal Parlamento “.
Chrysi Avgi', da parte sua, sostiene che e' stata la deputata del Kke, Liana Kanelli, ad aggredirlo per prima colpendolo con una mazzetta di fogli di carta ed ha accusato la giustizia “di ignorare questo fatto”.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©