Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il governo non intende fare altri piani di austerity

Atene dice no alla Troika e dà la luce ai morosi poveri


Atene dice no alla Troika e dà la luce ai morosi poveri
06/12/2013, 20:50

ATENE (GRECIA) - Il governo greco di Antonis Samaras ha deciso di ridare elettricità a tutti coloro che hanno avuto il distacco a causa della loro morosità. L'ha annunciato il Ministro dell'Ambiente Yannis Maniatis, con lo slogan: "Nessun greco dovrà morire di freddo". Infatti, a causa della crisi, sono molte le persone che hanno smesso di pagare le utenze di base, ottenendo in cambio il loro distacco. Ma negli ultimi tempi ci sono stati diversi casi di persone morte di freddo oppure di monossido di carbonio nel tentativo di riscaldarsi con una stufetta a legna. Casi che il governo greco non vuole che si ripetano, nonostante la Troika - formata da Bce, Commissione Europea e Fmi - insista per nuovi piani di austerità. 
Lo stesso contrasto sta avvenendo su un provvedimento preso questa estate, per bloccare la vendita delle abitazioni, finite nelle mani delle banche perchè i proprietari non avevano i soldi per pagare il mutuo. Si tratta di un blocco parziale, limitato alle abitazioni con un valore non superiore ai 200 mila euro (e quindi appartenenti agli strati più poveri della popolazione).  Il blocco scade a dicembre e la Troika sta facendo pressione affinchè il governo greco non lo rinnovi. Ma Samaras è in enormi difficoltà interne, con una maggioranza risicata e vista di mal occhio dagli stessi greci. Un nuovo sì alla Troika gli costerebbe molti voti, a vantaggio magari di Alba Dorata; una eventualità che il premier greco vuole evitare. Anche a costo di dire no alla Troika. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©