Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

In piazza Syntagma lancio di Molotov e gas lacrimogeni

Atene, scontri tra agenti di polizia e manifestanti. Un morto


Atene, scontri tra agenti di polizia e manifestanti. Un morto
18/10/2012, 14:15

Violenti scontri sono scoppiati oggi ad Atene durante la manifestazione per lo sciopero generale. La polizia anti-sommossa ha sparato lacrimogeni per disperdere centinaia di black bloc che avevano scagliato bottiglie incendiarie nei pressi di Piazza Syntagma. Un uomo di 66 anni è morto, lo riferiscono i media ellenici. L'uomo avrebbe avuto un infarto. Mentre la polizia stava sparando i lacrimogeni per respingere i manifestanti, l'uomo è crollato a terra. Soccorso e trasportato in ospedale è morto appena ricoverato. Secondo la radio Skai oltre al morto si contano cinque feriti, tra cui due poliziotti.

Agenti in tenuta anti sommossa hanno alzato un cordone per impedire ai manifestanti di arrivare davanti al parlamento. Giovani hanno lanciato pietre e bottiglie incendiarie verso la polizia che ha risposto con gas lacrimogeno.

Oggi, in 
Grecia è in corso uno sciopero generale indetto dai sindacati - il quarto dall'inizio dell'anno - per protestare contro le misure di austerità adottate dal governo, nel giorno in cui a Bruxelles si riuniscono i capi di stato e di governo dei paesi dell'Unione Europea. Colpiti soprattutto i trasporti pubblici, i collegamenti ferroviari, marittimi e aerei, con molti voli annullati.

Ad Atene la metro si è fermata alle 8 (ora italiana) e anche i tassisti scioperano tutto il giorno. Intanto il governo greco, guidato dal primo ministro conservatore Antonis Samaras, continua a discutere con la "troika" (Unione Europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale) sugli ultimi dettagli del programma di aggiustamento economico, da attuare in cambio di un prestito di 31,5 miliardi di euro.
 

Sull'argomento è intervenuto il ministro italiano dell'Economia, Vittorio Grilli, che al Tg1 ha affermato: "La Grecia sicuramente si puo' salvare e si salvera'. Il precorso e' molto difficile e piu' duro che da noi ma non ci sono alternative. Forse - ha aggiunto - ci vorra' piu' tempo ma la Grecia si salverà''. 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©