Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Aiutati da ribelli armati di granate e lanciarazzi

Attacco a prigione in Pakistan, in fuga 384 detenuti


Attacco a prigione in Pakistan, in fuga 384 detenuti
15/04/2012, 09:04

ISLAMABAD - Fuga per la libertà in Pakistan dove centinaia di detenuti  sono riusciti ad evadere grazie all’intervento di più  di 150 ribelli armati di mitra, granate e lanciarazzi che hanno preso d'assalto la prigione centrale di Bannu, vicino alle zone tribali di Khyber e di Orakzai.
L'attacco è stato lanciato verso l'una di notte ora locale (le 22 in Italia) ed è andato avanti fino alle 3 (mezzanotte in Italia). L'attacco è stato rivendicato dai talebani.
BLITZ CON RAZZI -  Per il blitz sarebbero 384 i detenuti (in tutto erano 944) evasi dal carcere nel Nordovest del Pakistan (roccaforte dei ribelli talebani alleati di al Qaeda). I ribelli, più numerosi dei secondini, sono penetrati nella prigione grazie un intenso fuoco di armi automatiche e di razzi e sono fuggiti prima dell'arrivo delle forze di sicurezza.
La polizia ha reso noto che uno dei detenuti, Adnan Rashid, era nel braccio della morte per il coinvolgimento in un complotto per uccidere l'ex presidente Pervez Musharraf.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©