Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

L'Isaf parlò di incidente. Il 2010 è l'anno con più vittime

Attacco ad elicottero Usa, c'è la rivendicazione dei Taliban


Attacco ad elicottero Usa, c'è la rivendicazione dei Taliban
21/09/2010, 20:09

KABUL – Una rivendicazione sulla quale vi è un cono d’ombra, se si considera che l'Isaf parlò di "incidente" dalle cause ancora ignote. I talebani si sono attribuiti la paternità di quell’attacco contro l’elicottero Nato precipitato nel sud dell'Afghanistan. Nove militari che si trovavano a bordo morirono sul colpo, e al momento nessuna delle ipotesi era esclusa.
Tra queste vi era anche quella quell’attentato, ma l’Isaf precisò che al momento non vi erano abbastanza elementi per parlare di attacco terroristico. Oggi invece un portavoce dei miliziani, Yousuf Ahmadi, ha spiegato che i talebani hanno aperto il fuoco facendo precipitare il velivolo e ha parlato di un bilancio di "piu' di dieci soldati stranieri" morti. L'Isaf ha negato che nella zona fosse stato segnalato "fuoco nemico" contro l'elicottero. Nell'incidente sono rimasti feriti anche un funzionario dell'Isaf, un soldato afghano e un civile americano.
Con la morte dei nove soldati Nato, sale a 529 il numero dei militari stranieri che hanno perso la vita in Afghanistan e il 2010 diventa l'anno più sanguinoso dall'inizio del conflitto.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©