Dal mondo / America

Commenta Stampa

Aumentano i prezzi del petrolio

Attacco al petrolio saudita, Trump si prepara all'attacco militare


Attacco al petrolio saudita, Trump si prepara all'attacco militare
16/09/2019, 09:21

WASHINGTON (USA) - Ha destato molta preoccupazione nel mondo occidentale l'attacco che lo Yemen ha sferrato ad una delle più importanti raffinerie saudite. In particolare, gli Stati Uniti hanno dato la colpa all'Iran di aver fornito agli yemeniti le armi per l'attacco, minacciando una rappresaglia. Del resto, si sa: per il mondo occidentale qualche milione di tonnellate di petrolio contano molto di più della vita delle migliaia di donne e bambini che i sauditi hanno ucciso nei loro attacchi allo Yemen.

Trump ha anche annunciato che verranno immesse sul mercato le riserve strategiche statunitensi, in modo da compensare le perdite saudite sul mercato mondiale. Un annuncio che però non è servito a nulla, dato che i futures sul greggio sono saliti del 15% e quelli della benzina dell'11%. Mentre questa mattina il Brent (cioè il petrolio britannico, che funge da punto di riferimento per il petrolio in Europa) è ai livelli massimi da diversi mesi a questa parte. 

Il presidente Usa ha anche pubblicato un tweet in cui nega la possibilità di incontrare il presidente iraniano: "Le fake news stanno dicendo che desidero incontrare l'Iran 'senza alcuna condizione'. Questa è una dichiarazione non corretta (come sempre!)". Ma qualcuno l'ha informato che tale dichiarazione è stata resa da Mike Pompeo, suo Segretario di Stato? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©