Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il leader al Sunday: "Pronto a morire per il mio Paese"

Attacco alla Siria, Assad avverte: "Sarà un terremoto"


Attacco alla Siria, Assad avverte: 'Sarà un terremoto'
20/11/2011, 19:11

DAMASCO - Un intervento militare in Siria provocherebbe "un terremoto" in tutto il Medio Oriente: è questo il monito lanciato dal Presidente siriano Bashar al Assad in un'intervista esclusiva al Sunday Times, in cui si dice pronto a "morire" per il suo Paese, certo che "il conflitto andrà avanti e che continueranno le pressioni per sottomettere la Siria, ma la Siria non si piegherà e continuerà a resistere". Il suo Ministro degli Esteri, Walid Muallem, ha dichiarato da parte sua che "se saremo obbligati a combattere, combatteremo", sottolineando come "i problemi della Siria non possano essere risolti che dagli stessi siriani". Sia Assad che Muallem hanno accusato la Lega Araba di aver sospeso la Siria dall'organizzazione proprio per fornire un "pretesto a un intervento militare" nel Paese attraverso l'intervento del Consiglio di Sicurezza del'Onu. Un intervento come quello in Libia, ha ammonito il leader siriano, scatenerebbe "un terremoto" in tutto il Medio Oriente: "Una campagna militare destabilizzerebbe tutta la regione, e tutti i Paese ne pagherebbero le conseguenze". Dopo la sospensione della Siria, mercoledì scorso la Lega Araba aveva concesso tre giorni di tempo al regime di Damasco per porre fine alla repressione, minacciando sanzioni economiche, ultimatum è scaduto alle 23 italiane di ieri senza che Damasco se ne sia data troppo per intesa: "Non riteniamo l'ultimatum una questione importante, è importante il contenuto e conta giungere ad un accordo con la Lega Araba", ha spiegato Muallem in conferenza stampa. I ministri degli Esteri della Lega Araba si riuniranno giovedì prossimo per discutere della situazione in Siria, come ha annunciato oggi alla stampa il Vice Segretario generale dell'organizzazione panaraba, Ahmed ben Helli: "Il consiglio della Lega araba terrà una sessione straordinaria giovedì a livello ministeriale sotto la presidenza del Qatar", ha precisato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©