Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Due esplosioni in diversi punti della città

Attentato a Tripoli, almeno 30 morti e 400 feriti

Colonne di fumo e facciate degli edifici colpite

Foto di repertorio dalla rete
Foto di repertorio dalla rete
23/08/2013, 17:19

TRIPOLI – Fonti di sicurezza in Libano, hanno reso noto che  è di almeno 30 morti e 400 feriti il bilancio della doppia esplosione che ha scosso Tripoli, sulla costa settentrionale del Paese. La prima esplosione è avvenuta nel centro della città, nei pressi della casa del premier dimissionario Najib Mikati che tuttavia, secondo il suo ufficio, in quel momento non si trovava a Tripoli. La seconda invece, nei pressi del porto, non lontano dalla casa dell'ex capo della polizia Ashraf Rifi. Le emittenti libanesi hanno mostrato alte colonne di fumo, facciate degli edifici colpite e veicoli in fiamme. Le esplosioni nella città costiera libanese arrivano a una settimana di distanza dall'autobomba kamikaze che ha investito i sobborghi meridionali di Beirut, roccaforte di Hezbollah, uccidendo 27 persone. Negli ultimi mesi Tripoli è stata teatro di combattimenti tra sunniti, sostenitori dell'opposizione siriana, e alawiti, vicini al regime siriano di Bashar al-Assad.  

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©