Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il kamikaze aveva nascosto l'esplosivo nel turbante

Attentato suicida in Afghanistan, ucciso sindaco di Kandahar

15 giorni fa ucciso fratello di Karzai nella stessa città

Attentato suicida in Afghanistan, ucciso sindaco di Kandahar
27/07/2011, 09:07

KANDAHAR (AFGHANISTAN) - A Kandahar, città dell'Afghanistan meridionale nota per essere la storica roccaforte dei talebani, si è verificato un nuovo attentato suicida, nel quale ha perso la vita il sindaco Ghulam Haidar Hameedi, un uomo che si era sempre distinto per la sua lotta contro la corruzione. La notizia è stata diffusa da Abdul Raziq, il capo della polizia della provincia.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il sindaco della città afghana di Kandahar al momento dell'attentato stava discutendo con alcuni amministratori nel cortile di un edificio della municipalità. Improvvisamente un kamikaze ha innescato l'esplosivo, che con buone probabilità aveva nascosto all'interno del proprio turbante, e si è fatto esplodere proprio davanti ad Hameedi, uccidendolo.
Oltre ad Hameedi sono morte anche altre persone, ma il bilancio finale dell'attentato non è ancora stata reso noto. Militari afghani e della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf, sotto comando Nato) hanno preso posizione nella zona, isolandola.
La morte del sindaco Hameedi arriva soltanto due settimane dopo l'uccisone di un'altra personalità di spicco dell'Afghanistan meridionale, Ahmad Wali Karzai, fratello del presidente afgano Hamid Karzai, anch'egli ucciso a Kandahar, lo scorso 12 luglio, nel corso di un'operazione dei talebani.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©