Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il premio Nobel per la pace nel 1991 sarà liberata oggi

Aung San Suu Kyi , ultime ore di attesa per la liberazione


Aung San Suu Kyi , ultime ore di attesa per la liberazione
13/11/2010, 09:11

"Sara' rilasciata qualche tempo dopo le 18.00 (circa le 12.30, ora italiana)", è ciò che ha affermato un anonimo funzionario della polizia birmana, quindi in giornata è prevista l’attesa liberazione dagli arresti del premio nobel Aung San Suu Kyi.

A centinaia si sono radunati in attesa della buona notizia fuori la sua casa a Yangon, nome ribattezzato dll’antica città di Rangon, e nel quartier generale della Lega Nazionale per la Democrazia (Nld) dove è prevista una visita del leader storico dell’opposizione birmana dopo la sua liberazione dagli arresti domiciliari dove la donna ha trascorso al suo interno gli ultimi 15 dei 21 di prigionia domiciliare.


Aung San Suu Kyi ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1991 ed è il leader storico dell'opposizione dello stato della Birmania, trascorrendo 21 anni tra carcere e arresti domiciliari.
Ricordiamo nell'estate del 1988, Suu Kyi tenne un comizio davanti a mezzo milione di cittadini birmani che protestavano a favore della emocrazia nel paese. La nuova giunta militare insediata da poco, mandò lo stato alle elezioni legislative nel 1990, e proprio nel 1989 mise agli arresti domiciliari la leader della Lega Nazionale per la Democrazia.

Suu Kyi è figlia del generale Aung San, l'eroe nazionale che portò Birmania all'indipendenza dalla Gran Bretagna, Suu Kyi è nata il 19 giugno del 1945 a Rangoon, attuale Yangon. Quando Suu Kyi aveva due anni il leader storico della democrazia birmana venne assassinato dai suoi rivali politici.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©