Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Le sue raffiche superano i 300 km l’ora

Australia: il ciclone Yasi si abbatte sul nord-est del paese


Australia: il ciclone Yasi si abbatte sul nord-est del paese
02/02/2011, 18:02

AUSTRALIA – Nella terra dei canguri, paura e timore si mischiano per l’arrivo del potentissimo ciclone Yasi. Definito dai media un "mostro", è giunto in Australia, dove sta irrompendo nella costa del nord-est, con raffiche di vento che superano i 300 km l’ora.
Yasi ha un diametro di 650 chilometri, il cui occhio è di circa 35 km. Ad accompagnarlo, alluvioni e piogge torrenziali. In queste ore, almeno 90.000 persone, stanno combattendo con i tanti problemi dovuti all’assenza di elettricità. Altre 10.000, senza tetto, sono invece ospiti dei rifugi sovraffollati.
"Ci troviamo di fronte a una tempesta di proporzioni catastrofiche. Questo ciclone è destinato a essere sconvolgente e potenzialmente è in grado di creare tantissimi danni". A spiegarlo, il premier dello Sato del Queensland, Anna Bligh, che ha poi sottolineato come la popolazione proprio del Queensland sta "affrontando ore terrificanti".
I disagi maggiori si registrano nelle zone costiere, dove le onde potrebbero arrivare anche ad un’altezza di 7 metri. Nel frattempo, per evitare ulteriori problemi, sono stati chiusi sia i porti che le stazioni ferroviarie. Dal satellite, il ciclone appare come una tempesta più grande dell’Italia o della Nuova Zelanda.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©