Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

AUSTRALIA: L'ELEZIONE CORRE SUL WEB


AUSTRALIA: L'ELEZIONE CORRE SUL WEB
23/11/2007, 13:11

Le elezioni australiane si giocano sulla Rete. Mai come prima partiti politici, gruppi di pressione, associazioni e comuni elettori si sono incontrati sul Web per dibattere temi caldi e fare propaganda in vista della battaglia elettorale che si terrà sabato prossimo e vedrà scontrarsi l'attuale primo ministro, il liberale John Howard, e il laburista Kevin Rudd.
È stato un vero e proprio boom, quello di Internet, che ha coinvolto anche i giovani e i normalmente disinteressati alla politica, ampliando e vivacizzando un dibattito che altrimenti sarebbe risultato noioso e scontato.


Già prima dell'annuncio ufficiale della data delle elezioni (avvenuta sei settimane fa), website come MyElection.au, MySpace's Impact, Kevin07.com e Google's Election 2007 hanno aperto i battenti, promuovendo blog e infiammando la polemica sui programmi elettorali economici delle due compagini politiche, giudicati troppo simili.
A tenere il banco sono stati soprattutto il tema ambientale e la guerra in Iraq (alla quale l'Australia partecipa, al fianco degli Usa con 850 truppe dislocate nell'area).
"Noi stessi siamo rimasti sorpresi dall'enorme quantità di blog, commenti e analisi da parte degli elettori" ha commentato Rob Shilkin, capo della comunicazione corporate di Google Australia.
You Tube, sempre posseduta da Google, ha giocato un ruolo di primo piano nella campagna digitale con gli stessi candidati che hanno deciso di utilizzare questo popolare sito per fare annunci in anteprima. Non sempre con risultati positivi, però.


Famosa, per il suo effetto boomerang, è stata la scelta di Howard, a metà luglio, di comunicare ai giovani surfisti del Web le sue idee e i suoi piani sul futuro ambientale del Paese. Il primo ministro, 68 anni, accusato di essere un politico della vecchia guardia, aveva cercato in questo modo di catturare la giovane audience della rivoluzione digitale. La valanga di commenti, per la maggior parte negativi e pesantemente ironici, hanno però costretto il primo ministro a ritirare il video da YouTube a tempi di record.
Secondo gli ultimi sondaggi, i Laburisti dovrebbero vincere le elezioni con il 55% dei voti, contro il 45% ottenuto dai Liberali. 

(fonte: IlSole24ore)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©