Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'uomo si è rifugiato in un casolare, ma è circondato

Austria: bracconiere uccide 4 uomini


Austria: bracconiere uccide 4 uomini
17/09/2013, 20:02

VIENNA - Tragedia nelle campagne austriache a ovest di Vienna. Un bracconiere ha ucciso due poliziotti e un addetto dei servizi di emergenza austriaco ed è poi fuggito tenendo in ostaggio un quarto uomo, probailmente un altro agente. Lo ha reso noto la polizia austriaca. Il dramma ha avuto luogo in una fattori di Annaberg, una zona rurale situata a circa chilometri dalla capitale. Le forze dell'ordine non escludono che insieme al cacciatore ci siano anche i suoi figli. Il portavoce della polizia ha ordinato il silenzio stampa per evitare che il bracconiere attenti alla vita dell'ostaggio, rilasciando come unica dichiarazione il fatto che la situazione è "estremamente terribile". Una pattuglia della polizia aveva provato a fermare l'uomo mentre viaggiava in auto vicino Annaberg, ma lo stesso era finito in un fosso guidando la propria vettura. Pochi attimi dopo gli spari contro un poliziotto, rimasto a terra e poi soccorso da un paramedico. Il secondo agente è stato ucciso ad un posto di blocco stradale, dove il bracconiere ha preso rubato un auto della polizia e preso in ostaggio un terzo poliziotto. L'uomo si è poi diretto nella sua fattoria di Kollapriel, vicino Melk, dove è rimasto fino all'arrivo della polizia. Al bracconiere era già stata revocata la licenza molti anni fa, ed era noto alle autorità locali e agli altri cacciatori per i problemi di ordine pubblico che puntualmente ha provocato in passato.


Aggiornamento ore 20.02 (di Antonio Rispoli)

Peggiora la situazione. Secondo quanto ha comunicato la Polizia, è stato trovato il corpo del quarto poliziotto, quello che era stato preso in ostaggio dal bracconiere. E anche lui è stato ucciso dall'uomo, che poi si è rifugiato in un casolare. La Polizia l'ha circondato, ma come misura precauzionale sono stati chiamati anche alcuni soldati, vista la pericolosità dell'omicida con le armi da fuoco. 

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©